A Pentedattilo con i Borghi Solidali per Pensare a COMpensare

L’Agenzia dei Borghi Solidali in collaborazione con Parco Ecolandia, Polo NET e Coordinamento No coke Area grecanica ha presentato domenica 13 gennaio presso l’Ostello della Gioventù di Pentedattilo l’iniziativa Pensare a COMpensare – Ovvero misure e nuovi stili di vita per ridurre la nostra impronta ecologica, un incontro difficile da racchiudere in un solo termine vista la capacità di coinvolgere i partecipanti su numerosi fronti.

Senza mai scadere nella banalità o sulle ovvietà di un argomento purtroppo trito e ritrito come la necessità di modificare il nostro stile di vita a favore di un approccio meno invasivo meno la natura e le sue risorse, la giornata è trascorsa in un clima familiare pur affrontando tematiche scottanti come i trasporti in Calabria  e le cattive politiche gestionali.

Quel che è emerso dal partecipato dibattito è la netta sensazione che a livello istituzionale si voglia colmare dei vuoti storici e culturali attraverso progetti irrealizzabili, come ormai sembra esser prassi. Il Prof. Tonino Perna ha poi continuato mostrando alcuni esempi di reale compensazione come in Trentino, dove le risorse ambientali vengono utilizzate come fonte di energia rinnovabile con ottimi risultati di impatto ambientale ed economico e la cittadinanza è attivamente coinvolta nella cura del territorio. Quel che penalizza la Calabria è l’assenza di un piano energetico, di azioni atte a mantenere l’identità del territorio senza martoriarlo ulteriormente con politiche legate ad una progettualità europea decontestualizzata. Il Prof. Perna ha concluso con la proposta di creare una banca dei semi che riporti in vita le colture originali della regione, donando conforto anche all’economia. L’incontro è proseguito con l’intervento del Prof. Ziparo che ha invitato ad una rivalutazione della green economy e della terminologia ad essa legata, proponendo di coniugare didattica e ricerca in ri-cura, ri-utilizzo e ri-qualifica. La questione trasporti è stata mirabilmente affrontata dal Prof. Domenico Gattuso che ha mostrato come incentivare la mobilità pedonale possa apportare benefici alla vita quotidiana e un notevole risparmio.

Quel che è sembrato uscir fuori da questo seminario tematico è la nascita di una nuova concezione di green economy, che si concentri sulla vocazione del territorio e ne faccia emergere le potenzialità senza porre condizioni, valorizzando le attività artigianali.

Cuore della giornata è stata la piantumazione di alberi precedentemente ‘adottati’ per la creazione di boschetti urbani per la compensazione dell’anidride carbonica prodotta. Anche noi di LiberaReggio LAB – Terrearse.it abbiamo adottato il nostro albero (di cui alleghiamo una foto con orgoglio).

Per essere aggiornati sulle prossime iniziative dell’Associazione Borghi Solidali potete consultare il sito www.borghisolidali.it.

Articolo e foto
Letizia Cuzzola