Presentazione del libro “Giovanni e Caterina”. L’amore sopra ogni cosa.

La presentazione di un libro è sempre un evento, per lo più a scopo commerciale, che affascina ed incuriosisce. E’ difficile riuscirsi ad emozionarsi ad una presentazione di un libro, ma quando questo avviene,  il libro stesso acquista un fascino sensazionale prima ancora che esso venga letto.

Questo è quello che è “successo “ alla presentazione del libro  “Giovanni e Caterina”, scritto dall’autore  Giovanni Morabito, Sabato 26 Maggio presso la sala Giuditta Levato del Consiglio Regionale della Calabria. Promotore, nonché editore del Libro, è stata l’associazione culturale “Domenico Aliquò”, saldamente diretta dal Cavalier Filippo Maria Aliquò, da anni impegnato nella promozione costante delle tipicità culturali calabresi a livello sia regionale che nazionale.

Alla presentazione hanno preso parte, oltre al già citato autore del libro, Giovanni Morabito, anche il Professor Francesco De Piscopo, docente di letteratura comparata presso l’Università Federico II di Napoli, il presidente dell’ente parco dott. Leo Autelitano e  l’on. Alessandro Nicolò, vice presidente del Consiglio Regionale della Calabria.  Il tutto introdotto e coordinato dal Presidente dell’associazione Culturale “Domenico Aliquò” , appunto il Cavalier Filippo Maria Aliquò.

Dopo i consueti saluti istituzionali,  il presidente Filippo Aliquò  ha voluto ricordare l’importanza della cultura e degli eventi culturali in genere, spiegando, con vari aneddoti il perché della pubblicazione di questo libro. A seguire tutti i relatori convenuti hanno preso la parola, ognuno dando il proprio apporto culturale nell’enucleare le fattezze di questo romanzo, traente origine dalla vita vissuta dell’autore, incuriosendo fortemente il pubblico partecipante.

Dopo la simpatica descrizione fornita dal Cav. Aliquò nei confronti dell’autore, “ UN uomo che ha vissuto 7 vite”, sono intervenuti in successione, il dott. Leo Autelitano approfondendo il ruolo vitale che l’associazione “Domenico Aliquò” detiene nei confronti della cultura dell’intera Calabria e l’On Alessandrò Nicolò, vice presidente del Consiglio Regionale della Calabria, il quale si è congratulato con il Cav. Aliquò per le iniziative intraprese dalla sua associazione in tutta Italia e in seguito anche con l’autore per le emozioni e i sentimenti che il libro trasmette.

 Di particolare interesse è stato l’intervento del professor De Piscopo che, con abile arte oratoria, è riuscito ad attirare la totale attenzione del pubblico e con una breve ma esaustiva lezione storico–letteraria, sviluppatasi tra la serietà che la cultura merita e pretende, e il folklore che spesso l’accompagna, ha degnamente introdotto l’intricata trama del libro lasciando però spazio alla curiosità e all’immaginazione. Particolarmente toccante è stato il momento in cui il  Professo De Piscopo si è prodigato nella lettura di una emozionante poesia che il Protagonista del libro, nonché autore dello stesso, ha scritto per l’amore della sua vita, la sua defunta moglie. In quel momento tra la commozione dello scrittore Giovanni Morabito, e quella generale del pubblico partecipante si è toccato il punto di massima emozione della presentazione.

E si sa che quando si toccano le corde del cuore, indissolubilmente legate alle emozioni dell’anima, ogni evento culturale assume rende la cultura stessa molto più piacevole e affascinante.

Per uscire dal momento toccante e dare la possibilità al provato autore di riprendersi e poter concludere la presentazione con qualche parola è stata intramezzata una breve premiazione. Sono infatti stati realizzati, dalla bravissima artista reggina Aurelia Nania, dei piatti commemorativi dell’evento recanti il disegno della copertina del libro in questione, i quali sono stati regalati a tutti i relatori e in particolar modo allo Chef di fama internazionale Filippo Cogliandro, sia per i suoi meriti in campo culinario ma soprattutto per il suo coraggio dimostrato nell’aver sfidato la mafia, rifiutandosi di pagare il pizzo e diventando così un esempio da seguire, in una terra come la Calabria molto spesso soffocata dalla malavita organizzata.

Infine, a conclusione del turbinio di emozioni susseguitesi durante la presentazione, è arrivato l’intervento dell’autore e protagonista del Libro, Giovanni Morabito che con poche ma efficienti parole è riuscito a descrivere il sentimento più grande al mondo come poche persone al mondo sono riusciti a fare: l’amore.

l’amore deve essere vero, e per essere vero deve essere nutrito ogni giorno… Anche quando la morte con la  sua falce recide la vita delle persone, non riesce ad intaccare  l’amore, perché l’amore vero è eterno”.

In queste parole è racchiusa l’essenza dell’amore vero. Lo stesso amore che hanno provato Giovanni e Caterina e che gli ha permesso di andare avanti e vivere felici nonostante un oceano di difficoltà che li ha tormentati ma che, in alcun modo, è riuscito a scalfire i loro sentimenti reciproci.  Una storia fondata sull’amore e magistralmente descritta in un libro da leggere e rileggere ogni qual volta se ne abbia la possibilità o meglio, ogni qualvolta si voglia ricordare il significato della parola amore.

Andare ad una presentazione di un libro o in generale ad un evento culturale è sempre un esperienza gratificante e importante per accrescere le proprie conoscenze. Tornare a casa  emozionato e con la consapevolezza di aver capito un po’ di più il significato della parola amore… non ha prezzo!

Carmelo Spanti